25 gennaio 2011

Grazie, Maestro.


Quando nelle anguste stanze della pubblicità italiana l'aria viziata, satura di conformismo e mediocrità, si fa davvero irrespirabile, ecco che puntualmente Lui spalanca le finestre e una ventata di salubre, fresca creatività torna finalmente a riempirci i polmoni.
Un'altra volta ancora non possiamo che ringraziare il Maestro Toscani per averci riportato al senso più profondo e più bello del nostro lavoro con questa geniale campagna, ideata per l'Associazione Nazionale Calzaturifici Italiani,
un gioiello che ogni creativo degno di questo nome vorrebbe avere nel suo portfolio.

"Ho cercato di mettere insieme le vere virtù che appartengono all'Italia e che sono la nostra vera ricchezza, gusto e bellezza" afferma il Maestro, sorprendendoci ancora una volta con l'apparente semplicità delle sue intuizioni, purtroppo negate a noi che geni non siamo.









5 commenti:

  1. Pubblicità degna di "Normal-Man!!", creata da geni della sfacciataggine, approvata da geni dell'imprenditoria, destinata ai geni dell'Italia di Lele Mora.

    RispondiElimina
  2. e se le scarpe fossero state marroni e viola, cosa mai avrebbe messo il maestro? io comunque m'inchino, a prescindere.

    RispondiElimina
  3. chepalle. non ne posso più di quest'uomo...

    RispondiElimina
  4. KillingPenelope3 febbraio 2011 12:49

    Beh da uno che si è messo a fare calendari fotografando donne senza mutande, cosa possiamo aspettarci? ormai Toscani è un bollito.

    RispondiElimina
  5. Costui è la vergogna della pubblicità italiana già dai tempi della campagna per un olio d'oliva in cui sopra la foto di un deposito di pneumatici usati, campeggiava in bella vista la seguente headline:
    "Maramao perché sei morto!"

    Bah!

    RispondiElimina